Il nostro amico Dino Bertocco pubblica una interessante e articolata riflessione sullo stato dell’arte della cultura social.

Siamo immersi nell’ ‘infosfera’ globale, connessi gli uni agli altri, ma la  nostra natura  resta ‘incertissima’ e si sorregge con la cultura degli umanisti perchè «Possiamo diventare più degli angeli e cadere più dei porci» (L.B. Alberti)
Ma conoscenza & digitale è la coppia che vince!

Mark Zuckerberg è stato per molto tempo convinto che Facebook fosse “un servizio pubblico” sostenendo tale tesi con l’ingenuità adolescenziale di un giovane startupper e la forza argomentativa dei numeri impressionanti del suo Social network, che ci ha visti diventare progressivamente (quasi) tutti fedeli frequentatori:

Per essere chiaro: noi ci concentriamo sull’aiutare le persone a condividere e a connettersi, perché lo scopo del nostro servizio è quello di consentire a tutti di rimanere in contatto con la famiglia, gli amici e la loro comunità… Per noi la tecnologia ha sempre rappresentato la possibilità di mettere il potere nelle mani di quante più persone possibile”.

Non si può certo dargli torto: noi, che ci siamo profilati ed impaginati (magari perché sospinti da qualche amico e/o collega) con iniziale sospetto e successivo crescente agonismo affettivo-relazionale nel turbinio dei post e dei like, in fin dei conti abbiamo accettato e condiviso l’ingaggio propostoci di una cittadinanza digitale nella quale non ci sono state chieste quote d’ingresso e tantomeno minacciate tassazioni correlate alla quantità di chiacchiere scambiate ed amicizie intraprese…
C’è stato però un momento in cui la magia della spontaneità con cui ci siamo spinti a diffondere quelle che ci apparivano opinioni intelligenti, coraggiose e spavalde si è interrotta: i nostri interventi e commenti non hanno più provocato i riconoscimenti attesi ed hanno cominciato ad incontrare risposte non propriamente amichevoli, talvolta repliche salaci, polemiche, finanche calunniose.
Abbiamo così scoperto che il setting predisposto dagli ingegneri di Menlo Park in California, dopo il primo step dell’accoglienza e dei saluti ed informazioni richiesteci, non aveva previsto le regole ed i riti della buona e pacifica discussione per la quale avevamo legittime attese, bensì procedure ed incentivi per sollecitare la riemergenza dei nostri sentimenti adolescenziali ed abbuffarci di vecchie e nuove amicizie…
La seconda (amara) scoperta è stata riscontrare che nel nuovo ambiente virtuale l’accesso e la frequentazione erano talmente liberi che si potevano incontrare nuovamente le persone e le opinioni che
avevamo “espulso” dalla nostra vita, in molti casi a seguito di scontri e polemiche che ci erano costati stress e sofferenze…
Mi è capitato quindi di verificare e constatare che per molti ed in molti casi Facebookland è diventato e rappresenta un luogo in cui si replicano i modelli relazionali della vita reale, con una differenza però: per la “mobilità” nell’autostrada digitale non sono previste la linea di mezzeria, gli stop, né tantomeno i limiti di velocità ed il rispetto della precedenza…

Virus sociali, algoritmi e rete comunitaria
Kara Swisher, una delle più importanti giornaliste di tecnologia e nuovi media al mondo (https://www.ilpost.it/2014/01/03/recode/) sostiene che “ Facebook, Twitter e YouTube sono diventati i trafficanti delle armi digitali dell’epoca moderna. Tutte queste aziende hanno iniziato con il velato proposito di cambiare il mondo. Ma lo hanno fatto come non avevano immaginato. Hanno modificato il modo di comunicare degli esseri umani, ma mettere in collegamento la gente troppo spesso ha voluto dire mettere gli uni contro gli altri. Queste aziende hanno trasformato in armi i social media. Hanno trasformato in arma il dibattito pubblico. E, più di qualsiasi altra cosa, hanno trasformato in arma la politica”.

Il dibattito e le polemiche particolarmente intensi della recente stagione politica sviluppatisi attorno alla contaminazione e strumentalizzazione di Facebook da parte dei soggetti che ne hanno scoperto la usabilità ai fini del marketing elettorale sono però arrivati un po’ fuori tempo massimo.
La degenerazione populista ha cause e matrici etico-culturali proprie, precedenti all’affermazione della Piattaforma social di Zuckerberg: in essa ha certamente trovato un acceleratore e diffusore di virus sociali già incubati dalla crisi economico-finanziaria e dagli effetti collaterali negativi della globalizzazione.
Gli algoritmi di Facebook non l’hanno certo contrastata, anzi – come dimostrato nel caso di Cambridge Analityca – hanno consentito di alimentarla, commercializzando e ottimizzando per conto dell’Azienda proprietaria le informazioni che noi utenti con generosità e faciloneria abbiamo consegnato agli Ingegneri di Menlo Park.
Ma la manipolazione ed il disorientamento dell’opinione pubblica che ha trovato nel social networking ed in particolare nelle pagine di Facebook un luogo di partecipazione ed una fonte di informazione, non costituiscono un esito inevitabile, un approdo scontato.
La fungibilità e la versatilità degli strumenti che esse ci propongono e mettono a disposizione presentano una ricchezza di opportunità, di incontri, partecipazione, collaborazione e mobilitazione cognitiva che – seppur con l’attenzione dovuta ad un ambiente molto frequentato – mi hanno convinto ad “abitarle” con assiduità e trasformarle in occasioni per la divulgazione, il confronto e la riflessività su temi e questioni centrali dell’agenda culturale, della partecipazione democratica e della cittadinanza attiva.

Pagine da scrivere insieme

I loghi e gli spazi descritti di seguito, rappresentano un progetto per umanizzare l’ambiente digitale, ovvero rafforzarne le caratteristiche di rete comunitaria in cui gli utenti privilegiano l’ascolto, lo scambio di opinioni, la circolazione di idee, il rispetto che si deve ad un luogo pubblico (seppur virtuale) ed alle persone che lo frequentano.
Le Pagine Facebook qui presentate e promosse nascono dalla frequentazione ed incontro con centinaia di persone protagoniste nel web con l’originalità dei loro post, il valore delle loro competenze, la generosità e serietà metodologica nel #generareecondividereconoscenza.
Il mio auspicio è che diventino un luogo per intensificare e moltiplicare le occasioni di confronto, ascolto, informazione reciproca, con il risultato di implementare la cooperazione cognitiva, ovvero la risorsa decisiva per contrastare efficacemente in Rete e con la Rete la disinformazione, la volgarità, la degenerazione del linguaggio politico e ricostruire i leganti comunitari che trovano nella generosità, sincerità e chiarezza delle parole un fondamento sicuro, non solo virtuale!

https://www.facebook.com/Amentecalda-175195223430171/

https://www.facebook.com/ivaloridelveneto

https://www.facebook.com/Vivechiarelettere-488371078350238/

https://www.facebook.com/Homoeuropaeus-626438777815545/