Il divario è cresciuto di un punto e mezzo tornando ai livelli degli anni Novanta. Il 30 per cento dei giovani rischia di diventare povero. E la ripresa incide poco